CHI SONO

Sono creativamente instabile e di questo, ormai, mi sono fatta una ragione.

Convivo da sempre con il tentativo di bilanciare le esigenze della mia parte creativa con quelle della mia parte razionale, il mio accentuato senso del dovere e l'istinto di fare quanto mi passa per la testa, gli input dell'emisfero sinistro e quelli dell'emisfero destro.

I miei genitori hanno fatto le cose per bene - non c'è che dire - regalandomi generosamente le loro peculiarità. Peccato che nessuno dei due mi abbia mai fornito la ricetta per gestirne l'inevitabile miscuglio. 

Me la sono cavata lo stesso, anche se il conflitto fra queste due sfere non ha certo favorito un percorso lineare e coerente. E questo al lato pratico risulta un tantino scomodo.

L'oscillazione, tuttavia, ha anche i suoi indubbi vantaggi: quando sfodero davvero la mia creatività, ottengo risultati che generalmente mi soddisfano al 100%; quando, invece, ho bisogno di linearità, riesco ad ingranare la marcia e mi trasformo in una macchina da guerra.

Sfiga vuole, però, che ci siano periodi molto lunghi in cui sono ben lontana dall'essere la creativa che vorrei e la programmatrice che dovrei.

Tutta una questione di equilibrio, lo so, ma sono in attesa.

Copyright © 2020 ARITMIA CREATIVA - ALL RIGHTS RESERVED