MUSICA, NATURA E DIALOGHI SILENZIOSI. ABIES ALBA INCONTRA LA FATTORIA DIDATTICA REDI

Il silenzio, sabato scorso, ha deciso di dare forfait.

Disturbato da strumenti e da canzoni, dal vociare giocoso dei bambini e dalle chiacchiere degli adulti, ha pensato bene di non farsi vedere, cogliendo al volo l'occasione per riposarsi un po', per riprendere fiato, dopo mesi di duro lavoro e di totale dedizione in quelle plaghe rocciose, ove in genere condivide gli spazi solo con il verso degli animali.

Lungi dall'essere musone, però, non ha saputo resistere alle note allegre dei musicanti ed ha assistito, seppur defilato, al loro concerto itinerante.

Gli sono piaciuti molto i suonatori dal nome evocativo profumato di bosco e con gli strumenti d'altri tempi, con le melodie di un passato lontano e con i versi ritrovati chissà dove, chissà quando.

La loro musica, accompagnata dallo scodinzolare dei guardiani bianchi, dalla perplessità dei tacchini e dalla curiosità delle capre, è stata il filo conduttore di un viaggio dentro un luogo ricco di memorie, che sta riscrivendo tuttavia una storia nuova, che con quel tempo lontano c'entra poco, ma che di quel ricordo si nutre, orgoglioso.

Quattro tappe per assaporare il ritmo di una tradizione musicale pressoché dimenticata, assorbita e quasi annullata dai numerosi cori di montagna o dalle onnipresenti bande di paese, ma che ha rallegrato la vita comunitaria al tempo di nonni e bisnonni.

Quattro soste per raccontare come un'antica e fiorente attività industriale ha lasciato il posto, dopo decenni di abbandono, ad un'azienda agricola giovane, nata quasi come una scommessa, ma cresciuta giorno dopo giorno grazie alle dedizione di chi l'ha creata.

Quattro momenti per scoprire analogie tra due realtà solo apparentemente molto differenti e che, nella confusione generale di un pomeriggio primaverile, sono riuscite ad intessere un dialogo silenzioso, che forse non tutti hanno colto.

Hanno cercato, ascoltato, trascritto, studiato i suoni e le parole delle orchestrine dei nostri antichi paesi, un vasto repertorio di canzoni quasi cancellate dal trascorrere del tempo e dall'inevitabile susseguirsi delle mode, radicato nella memoria popolare, ma custodito quasi solo da musicisti ormai anziani.

Hanno disboscato, scavato, spostato, costruito, seminato e rivitalizzato, rendendo fertile un terreno incolto e popolato uno spazio disabitato, dove l'incuria regnava sovrana e il disinteresse erodeva il tempo vissuto.

Hanno recuperato spartiti e orti, note e arbusti, consuetudini musicali e cultura contadina, salvaguardando i lasciti di chi li ha preceduti, modellandoli nel loro presente, per regalarli a quelli che verranno.

Hanno esaltato le peculiarità del territorio, diventando ambasciatori di musiche di nicchia e discepoli di coltivazioni alternative, percorrendo strade poco battute e proprio per questo significative.

Hanno lavorato alacremente e con passione, portando avanti i loro progetti e i loro sogni con quella determinazione che fa sempre la differenza.

E si sono incontrati per trasmettere la loro esperienza a chi di musica, di agricoltura e di allevamento forse conosce troppo poco o a chi, passato di lì per caso, non ha mai pensato che mondi così diversi, in fondo, avessero così tanto in comune.

Oltreché, si intende, un'amicizia nata tanto tempo fa.



Note di pietra è stato il concerto organizzato dalla Fattoria Didattica Redi in collaborazione con il gruppo musicale Abies Alba.




Ti è piaciuto il post?

2 commenti :

  1. Ma che bello! Bellissimo il posto e bellissima l' idea degli Abies Alba di recuperare le antiche musiche del territorio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, decisamente! Le musiche sono incredibili, praticamente sconosciute. Un patrimonio immenso, di cui quasi nessuno è a conoscenza.

      Elimina

Lascia traccia del tuo passaggio, leggerò con piacere e risponderò appena possibile!

Metti la spunta a 'Inviami notifiche', per essere avvertito via mail dei nuovi commenti.

AVVERTENZA!
Se lasci un commento, devi aver ben presente, che il tuo username sarà visibile e potrà essere clikkato da altri utenti.
Ogni visitatore, quindi, potrà risalire al tuo profilo Blogger

Informativa sulla privacy

Copyright © 2020-2024 ARITMIA CREATIVA - ALL RIGHTS RESERVED